Fondazione Insieme Per La Vista

News

Finalmente Matteo Piovella, Presidente SOI e Consigliere della nostra onlus, è stato ricevuto dal Ministro Lorenzin a cui ha potuto esporre la drammatica situazione creatasi a seguito del caso Avastin. Il Ministro Lorenzin al termine della riunione ha assicurato che entro la scadenza di lunedì 27 gennaio, data critica per la convocazione dell’atto finale da parte dell’Antitrust, farà diramare un comunicato del Ministero della Salute a sua firma per dare prova dell’apertura di una inchiesta ufficiale specifica sull’argomento.

Cominciamo il nuovo anno prendendoci cura dei nostri occhi. Ecco alcuni semplici consigli per mantenere occhi sani e prevenire i gravi danni alla vista causati da glaucoma, cataratta e maculopatie

Quest’anno a Natale sostieni la lotta contro glaucoma, cataratta e maculopatia: con una donazione di 48 € (pari a 4 € al mese) diventerai socio di Per Vedere Fatti Vedere Onlus per un anno e potrai ricevere ogni mese la nostra esclusiva Newsletter Associati.

Per Vedere Fatti Vedere ha partecipato al Meeting Annuale degli affiliati di AMD Alliance International che si è svolto a Bruxelles il 4 dicembre. E’ stata una preziosa occasione per confrontarci e scambiare idee e progetti con altre associazioni che in tutto il mondo lottano contro la maculopatia senile. Oggi è più che mai necessario unire le forze e trovare strategie comuni per far sentire la voce dei pazienti in modo chiaro ed efficace alle istituzioni, anche a livello europeo.

Glaucoma, maculopatia, cataratta: per essere sempre informato sulle ultime notizie, sugli studi che si svolgono in Italia e nel mondo per trovare nuove cure, leggi ogni mese la nostra Newsletter. Nel prossimo numero presto in uscita tante notizie interessanti dal Meeting Annuale dell’American Academy of Ophthalmology che si è appena concluso a New Orleans (USA).

CURE PER LA MACULOPATIA: L'udienza dell'antitrust sulla questione Avastin-Lucentis è stata fissata per il 27 novembre prossimo. Speriamo che venga sbloccata questa drammatica situazione e che possano finalmente ottenere la cura tutti quei pazienti che oggi non vengono curati a causa del costo eccessivo del farmaco Lucentis.

Ringraziamo il Lions Club Bramante Cinque Giornate per averci invitati a partecipare alla campagna “Una mela per chi ha fame” che si è svolta ieri 27 ottobre nelle principali vie e piazze di Milano. Nel gazebo di Piazza Sant’Eustorgio, oltre alle mele, abbiamo distribuito anche un pieghevole informativo sulla DMS, realizzato dalla nostra onlus.

CURE PER LA DEGENERAZIONE MACULARE: ANCHE IL PARLAMENTO SI OCCUPA DEL CASO AVASTIN
L’increscioso caso Avastin, su cui è intervenuta anche l’Antitrust ipotizzando una possibile intesa restrittiva della concorrenza tra i due gruppi Roche/Novartis, è ora all’attenzione della Commissione Igiene e Sanità del Senato.
Infatti, il senatore Lucio Romano (ScpI) è il primo firmatario di un’interrogazione al ministro Lorenzin, sottoscritta da tutta la Commissione e presentata il 16 ottobre, il cui scopo, secondo Romano è fare “chiarezza in una dialettica che inerisce aspetti di biomedicina, economia sanitaria e regolamentazioni”.



10 OTTOBRE GIORNATA MONDIALE DELLA VISTA
Sai qual è la prima causa di perdita della vista nel nostro paese? La degenerazione maculare senile, detta DMS o DMLE. La maggior parte degli italiani non conosce questa malattia e non sta facendo nulla per prevenirla o per curarla. Aiutaci a far conoscere la DMS diffondendo la nuova Campagna di Prevenzione. Clicca sul banner rosso qui sopra per entrare nella campagna e invia il test di Amsler ai tuoi amici e contatti. Grazie!

Nell’ambito della Settimana Internazionale della DMS Per Vedere Fatti Vedere ha partecipato alla Tavola Rotonda sulla Prevenzione della Cecità, organizzata il 20 settembre a Roma da EFAB European Forum Agaist Blindness e IAPB Italia onlus. Scopo dell’evento: sensibilizzare la classe politica italiana (presente con alcuni parlamentari) sull’importanza della prevenzione. Una adeguata politica di prevenzione e screening avrebbe un buon rapporto costo-efficacia e potrebbe permettere di ridurre notevolmente i costi sanitari: si potrebbe arrivare a risparmiare fino a 1,2 miliardi di euro all’anno.